Ci sono 2 modi per giocare: il modo corretto e il modo sbagliato. Conoscere le regole è l’unica cosa che conta per vincere


Giochi100.it ti insegna le regole del gioco

Bet365 fa piazza pulita e banna 200 scommettitori vincenti. E’ bufera in Spagna

Dopo lo scandalo di aprile nell’ippica britannica con diverse società di scommesse coinvolte, con 20.000 conti bannati perché appartenenti a 7.000 gamblers “vincenti”, questa volta a farne le spese sono 200 clienti di Bet365 in Spagna. Secondo ‘El Pais’ i punters sono stati allontanati dalla società di Stoke-on-Trent, perché “non vantaggiosi per la compagnia”.

La stampa spagnola alza il polverone 

Ad accusare la prima società di scommesse occidentale è uno di questi 200 bannati che ha denunciato tutto alla stampa spagnola, vedendosi costretto dalla sera alla mattina a non poter più scommettere su Bet365.es, con l’account chiuso. Il provvedimento sarebbe arrivato dopo una serie di ingenti vincite. Il bettor iberico incassava fino a €10.000 al mese.

Il caso è finito sulle pagine di tutti i giornali (non proprio una bella pubblicità per il settore) ed i media hanno accusato i book di voler mantenere nel proprio field solo giocatori perdenti, con tagli repentini e troppo frequenti per gli scommettitori più abili.

L’opinione pubblica ha sollecitato l’intervento della Dirección General de Ordenación del Juego (DGOJ) che però si è tirata fuori dalla mischia: la DGOJ – secondo l’agenzia di stampa Agimeg – ha affermato che sua competenza è verificare che i contratti siano regolari: “Decidere se una clausola di un contratto è abusiva o meno è competenza dei tribunali”

bet365

La risposta di Bet 365

Bet365 ha affermato che “i giocatori, al momento della sottoscrizione del contratto, sono consapevoli che il bookmaker si riserva il diritto di recedere dal contratto o chiudere un conto a seguito di un giudizio interno insindacabile“.

Sugli scudi gli avvocati dei giocatori bannati: “Quelle di chiudere un conto o negare una vincita – ha detto l’avvocato Ricardo Fábrega – sono clausole palesemente abusive”. E’ possibile che la querelle arrivi fino alle aule di tribunale e a quel punto sarebbe interessante capire la posizione dei giudici su un tema antico e dibattuto nel betting.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *