Ci sono 2 modi per giocare: il modo corretto e il modo sbagliato. Conoscere le regole è l’unica cosa che conta per vincere


Giochi100.it ti insegna le regole del gioco

L’Italia apre le porte alle scommesse sugli eSports: in arrivo 120 nuove concessioni

L’Italia si avvia ad una nuova frontiera, nel vasto mondo delle scommesse. Tocca agli eSport fare il loro ingresso nel mondo del betting. E’ un segnale chiaro e preciso quello che arriva dai Monopoli di Stato, decisi a seguire l’evoluzione dell’online e a trarne dei benefici. Restare al passo con i tempi è la parola d’ordine che arriva proprio dall’ente italiano che gestisce i giochi per lo stato italiano.

eSport fra intrattenimento e gioco

Lo afferma il direttore dell’Agenzie delle Dogane e dei Giochi Francesco Rodano: “L’Agenzia ha il complesso compito di restare al passo con i tempi nella regolamentazione dei nuovi prodotti che emergono sul mercato, in modo da evitare che le novità rappresentino un fattore di attrazione verso il settore illegale. Per tale motivo stiamo già studiando la possibilità di consentire a breve, ai concessionari autorizzati di offrire anche scommesse su tale disciplina, a fronte della garanzia di adeguati livelli di sicurezza e della possibilità di monitorare eventuali flussi anomali, escludendo in ogni caso tutti gli eSports che possano istigare comportamenti violenti o discriminazioni di qualsiasi genere”. 

eSport in espansione su Twitch 

Negli ultimi mesi gli eSports sono esplosi anche grazie a Twitch, dove è possibile seguire in diretta l’azione e con dei picchi d’ascolto in alcuni casi, che non hanno nulla da invidiare ad altri programmi trasmessi in TV. Non solo, ma cosi facendo l’Italia si adeguerebbe come hanno fatto altri paesi che ormai da anni hanno aperto le scommesse in questo campo. In Francia addirittura c’è una proposta di legge al vaglio del Parlamento, per disciplinare le competizioni legate ai video games.

Esports bis

120 nuove concessioni in arrivo

Intanto i Monopoli aprono a nuove concessioni del gioco online. Entro il 30 giugno si aprirà la gara per queste 120 concessioni, che avranno un costo di 200.000 euro l’una. Lo stato italiano spera dunque di incassare ben 24 milioni di euro, attraverso la suddetta asta.

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *